durata led

La durata dei LED e come aumentarne il ciclo di vita

Avete letto molto spesso che la durata di un prodotto di illuminazione LED è di gran lunga superiore ai sistemi più tradizionali. Ma cosa vuol dire?

Qual è la durata dei LED?

La durata dei LED, anzitutto, viene espressa in ore ma il calcolo però va contestualizzato in termini di anni. Possiamo affermare che le ore di esercizio sono essenzialmente le ore di buio. Le ore notturne, in media, giornalmente sono 12 ed in un anno le ore di buio sono in totale 4380. Arrotondando per eccesso è possibile affermare che le ore di esercizio sono 4400 all’anno. Se pensiamo che i LED, come vedremo in seguito, possiedono una resa di 30.000 ore è possibile capire quanto convenga acquistare uno di questi dispositivi.

Quando si acquistano una lampada, oppure dei faretti LED, è lecito chiedersi che capacità di durata questi posseggano. Per fare in modo che questi ultimi abbiano una durata a lungo termine, è necessario mettere in atto una buona manutenzione.

Come aumentare la durata dei led

Può essere utile, in questo senso, utilizzare un sensore di movimento o crepuscolare in grado di avviare il sistema di illuminazione quando viene rilevato un movimento o una volta tramontato il sole.

Per garantire una buona durata dei LED è opportuno fare in modo che essi funzionino ad una temperatura non eccessivamente elevata: per una resa superiore alle 30.000 ore il LED deve funzionare ad una temperatura media di 66°. Maggiore è la temperatura di funzionamento dell’apparecchio, minore è la durata del LED. Per garantire ai LED una lunga durata, pertanto, è necessario mantenere una giusta aerazione.

Nel caso delle strisce led, una buona norma per aumentarne il ciclo di vita è utilizzare profili led in alluminio. Questo perché non solo le si protegge da urti o dal contatto con agenti esterni, ma anche perché l’alluminio è il miglior materiale in fatto di dissipazione del calore.

Attenzione a dove andrete a collocare il vostro prodotto led, se all’interno o all’esterno, se in ambienti umidi a rischio di contatto con l’acqua. Verificate sempre il grado di protezione IP del vostro prodotto di illuminazione, gli assicurerete così lunga vita.

Anche le lampade Led sono soggette a guasti legati a difetti nei componenti, imperfezioni nelle saldature, cause esterne, sovratensioni e transitori che producono sovracorrenti, causate dall’interruzione di circuiti elettronici. È possibile agire, concretamente, contro questi ultimi mediante l’inserimento di filtri passivi sulla rete di alimentazione. Questi filtri sono costituiti da una rete di condensatori ed induttori, il cui costo è molto contenuto, i quali necessitano di poco tempo per il montaggio.

Spesso le frequenti bruciature dei faretti LED, di cui vi è testimonianza sui vari siti di vendita da parte dei consumatori, sono legate al tipo di alimentazione. La nostra attuale tecnologia LED è dotata di un’iniezione dell’alimentazione controllata, essa gli dona una vita utile di oltre 22 anni.

Attenzione anche al prezzo di vendita. Un LED acquistato a 30 euro, ma caratterizzato da una tecnologia scadente, tenderà a guastarsi con una maggiore velocità ed il costo per giorno sarà di 4.20 al giorno. Se il faretto LED per il quale si è speso 300 euro possiede una tecnologia LED di qualità, avrà un’aspettativa di vita pari a 22 anni con un costo al giorno di 0.037. Pertanto, come ogniqualvolta si debba fare un acquisto, è necessario valutare quale sia la qualità del tipo di investimento che si sta effettuando, per avere dei risultati soddisfacenti.

Durata dei LED in sintesi

I Led hanno una durata eccezionale, ciclo di vita di oltre 30.000 corrispondenti a circa 22 anni. Ecco cosa fare per far durare di più i vostri led:

  1. utilizzate, dove possibile, prodotti con sensore di movimento e crepuscolare
  2. utilizzate i profili led per preservare la durata delle strisce
  3. mantenete una temperatura di esercizio non troppo elevata
  4. controllate che il grado di protezione IP del vostro prodotto sia idoneo alle vostre esigenze
  5. evitate di sovraccaricare la rete elettrica e utilizzate filtri passivi
  6. utilizzate un tipo di alimentazione corretto
  7. acquistate prodotti di qualità e diffidate dai prodotti led a basso costo.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

0