sostituire lampade alogene con led

Sostituire le lampade alogene con i led

Sostituire le lampade alogene o ad incandescenza con quelle a led, rappresenta una soluzione molto utile che permette di ottenere diversi vantaggi in termini di risparmio energetico.

Le lampadine sono innanzitutto dispositivi elettrici atti a produrre luce e vengono classificate in base al voltaggio (V) e alla potenza assorbita dalla rete, espressa in Watt (W). I lumen esprimono invece il grado di luminosità emessa dalla lampada.

Il rapporto tra energia luminosa visibile emessa ed energia elettrica  assorbita si definisce efficienza luminosa. Parte dell’energia prodotta viene perduta, dissipata come calore o come luce emessa non visibile all’occhio umano (es. luce a infrarossi o ultravioletta).

In base al tipo di tecnologia utilizzata distinguiamo prevalentemente 4 tipologie di lampadine: a incandescenza, a fluorescenza, alogene e LED.

Vediamo le principali caratteristiche delle varie tipologie di lampade e perché è bene sostituire le lampade alogene con i led.

Le lampadine a incandescenza

Producono luce portando a incandescenza, ovvero a una temperatura di 2700K, un filamento metallico di tungsteno, attraverso cui passa la corrente elettrica, posizionato in una ampolla di quarzo o vetro, satura di gas inerti a bassa pressione, che hanno lo scopo di scongiurarne l’ossidazione e limitarne l’evaporazione.

Con questo tipo di tecnologia solo il 5% di energia prodotta si trasforma in luce, mentre il restante 95% viene sprigionato sotto forma di calore. Una loro variante è rappresentata dalle lampadine alogene.

Le lampadine alogene

Il gas alogeno presente all’interno del bulbo permette di giungere ad una temperatura di 3000K, il che ne aumenta l’efficienza luminosa rispetto alle lampadine ad incandescenza classiche.
Sfruttando l’alogenuro di tungsteno, che è il tungsteno evaporato e che reagisce con il gas alogeno, si crea il cosiddetto ciclo alogeno, che raddoppia la durata media della lampadina alogena rispetto a quella tradizionale.

Le lampadine a fluorescenza

In questo caso l’emissione luminosa è indiretta, perché l’emittente non è il gas ma un materiale fluorescente. A differenza delle lampadine a incandescenza, quelle a fluorescenza sono collegate alla rete attraverso un induttore che limita la corrente di alimentazione e crea una sovratensione che ne agevola l’accensione. Questo dispositivo allunga i tempi per il raggiungimento della piena luminosità.

Le lampadine a LED

Sono dispositivi optoelettronici che sfruttano le proprietà ottiche di materiali semiconduttori di produrre fotoni attraverso l’emissione spontanea. I LED hanno un’elevatissima efficienza luminosa e sprigionano immediatamente tutta la loro capacità luminosa.

Perché sostituire le lampade alogene con i led?

Le lampade led sono innanzitutto dotate di una particolare resistenza nel tempo che permette di evitare sostituzioni continuative.
Al contrario dei tradizionali mezzi di illuminazione, come appunto alogene d incandescenza che tendono a fulminarsi dopo un certo numero d’ore d’utilizzo o d’accensione, quelle led sono caratterizzate da una durata superiore, in grado di offrire un livello di utilizzo veramente elevato.
Ovviamente, anche il tipo d’illuminazione con le lampade led, risulta essere superiore a quello di tipo classico: da notare anche come queste particolari lampade richiedano poco tempo per poter illuminare ai massimi livelli senza per altro surriscaldarsi, come accade alle lampadine tradizionali.

Sostituire le lampade alogene con i led: una scelta di risparmio

Sul versante risparmio bisogna sottolineare che nonostante le lampade led abbiano un costo leggermente più elevato, tale spesa risulta essere un investimento, visto che i consumi risultano essere assai inferiori rispetto quello delle classiche lampadine.
Facciamo un piccolo esempio: una lampada tradizionale da 100 W corrisponde ad una lampada led da 18 W che, nel corso di un mese, farà risparmiare circa 35€ sulla bolletta della luce rispetto la classica lampadina.
Una lampada alogena da 53 W corrisponde ad una led da 15 W, ed anche in questo caso, il risparmio risulta essere pari a circa 20€ al mese.
Si potrebbero fare tantissimi esempi, ma è il concetto rimane lo stesso: con le lampade led è possibile ottenere un grande risparmio sul costo della bolletta della luce.

Equivalenza Lumen Watt

Nelle lampadine tradizionali il rapporto lumen watt era costante. Con la tecnologia led invece i due valori si sono differenziati molto tra loro, con una notevole diminuzione dei watt (ottenendo quindi consumi inferiori) e aumento dei lumen (l’efficienza luminosa).

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


0