Industrial style: come illuminare la casa in stile industriale

Lo stile industriale è uno dei design più apprezzati degli ultimi anni, una scelta adeguata per arredare la propria abitazione in maniera moderna e funzionale. Per ottenere un risultato efficace è importante scegliere i punti luce giusti, abbinando lampade contemporanee e vintage con soluzioni tecniche a risparmio energetico e colori neutri. In questo caso una delle opzioni migliori sono i LED, da usare per illuminare la casa secondo i dettami dell’industrial style.

Cos’è l’industrial style e su quali principi si basa

Nato nella New York degli anni ’50, quando architetti e designer dovettero fare i conti con l’arredamento di ambienti industriali da riconvertire ad abitazioni private, lo stile industriale è oggi molto impiegato per la decorazione delle case moderne. Si tratta di un design unico, che sfrutta elementi vintage, spesso provenienti direttamente dai siti industriali nel secolo scorso, per rendere lo spazio minimalista e funzionale, basandosi su alcuni concetti base.

I punti cardine sono una forte luminosità naturale, lampade dalle luci tenue, colori scuri sulle tonalità del grigio, del nero e del marrone, strutture a vista e arredi di recupero. I materiali predominanti sono per lo più il legno e i metalli, come l’acciaio, l’alluminio e il rame. Da non sottovalutare l’inserimento delle piante, in grado di valorizzare l’atmosfera naturale e creare un certo contrasto tra tubi a vista, pensiline metalliche e ampie vetrate.

Come scegliere l’illuminazione in stile industriale

Uno degli aspetti più importanti per arredare la casa in stile industriale è l’illuminazione. Il design dell’abitazione deve favorire l’accesso della luce naturale, inoltre è fondamentale creare all’interno un ambiente caldo e correttamente illuminato, scegliendo le migliori soluzioni disponibili sul mercato. Un’opzione molto in voga sono le lampade sospese, una scelta decorativa che consente di ricreare lo stile tipico delle vecchie industrie, utilizzando ganci, catene e strutture metalliche.

Ad esempio si possono installare dei pannelli a sospensione a LED, per ottenere una luce soffusa e fredda, mantenendo anche un elevato livello di efficienza energetica, oppure usare dei pannelli LED a incasso, da sistemare direttamente sul soffitto per un effetto simile alla luce naturale. Il risultato è un’illuminazione soft e moderna, da abbinare perfettamente con un arredamento in stile industriale.

Questa soluzione è estremamente funzionale, infatti permette di aumentare lo spazio disponibile, per questo motivo è una tecnica indicata per piccoli ambienti e i classici loft monocamera. In alternativa si possono adoperare appliques vintage o i classici faretti a LED. Quest’ultimi offrono un’ampia libertà in merito al posizionamento, inoltre consentono di scegliere modelli a batteria, ad alimentazione standard oppure tecnologicamente avanzati, come i fari a LED con telecomando a radiofrequenza o sensore di movimento, per risparmiare sui consumi energetici.

Da non sottovalutare sono i lampadari retrò, perfetti per l’illuminazione della cucina o della zona giorno, compatibili con luci a LED dimmerabili per ottimizzare il dispendio energetico e ottenere una luce chiara e fredda. Per un effetto più moderno è possibile propendere per le luci da incasso, da montare all’interno di pareti o persino nel pavimento, come i profili a LED in alluminio che permettono di illuminare il perimetro della stanza in maniera originale.

Alcuni consigli utili per l’illuminazione industrial style

Come abbiamo visto le soluzioni disponibili sono numerose, quindi è possibile utilizzare la propria creatività per occuparsi dell’illuminazione di una casa in stile industriale. L’ideale è realizzare un’armonia visuale tra l’esterno e l’interno, dunque tra la luce naturale e quella artificiale, evitando contrasti eccessivi. I colori devono essere tenui, perciò la luce sarà necessariamente bianca o comunque molto chiara.

Per i materiali dei supporti la scelta migliore è una struttura metallica, soprattutto in alluminio per limitare il peso e ottenere una superficie bella esteticamente. Molto apprezzati sono gli oggetti industriali di recupero, componenti che possono essere trasformati per diventare degli eccellenti punti luce per l’industrial style, altrimenti si possono acquistare direttamente lampade industriali e riadattarle ad un uso domestico.

L’importante è considerare l’efficienza energetica, oltre all’aspetto estetico e al design, ricercando un ottimo rapporto tra l’effetto stilistico e i consumi, per raggiungere un risultato degno di nota nel completo rispetto dell’ambiente. Ovviamente è consigliabile rivolgersi a un interior designer esperto, soprattutto se l’ambiente da arredare è particolarmente complesso, allo stesso tempo si possono ottenere risultati soddisfacenti anche occupandosi dell’illuminazione da soli.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


0